La storia ed il parco

pagaie-a-ventaglio 200x200

Era un sogno, ora è la nostra storia!

Una immagine indelebile, sei amici, pizza, birra, e la sfida: facciamo la Canottieri Brescia!

Sono passati diversi anni da quella sera, attraverso emozioni, conquiste, dolori e tanta adrenalina.

E’ stata una conquista realizzare questa associazione di canottaggio nel cuore della città di Brescia. Chi avrebbe immaginato che delle semplici cave potessero diventare un parco ecologico immenso, costituito da sette laghi uniti da una pista ciclo-pedonale che parte dalla città e si snoda nella natura per svariati chilometri.

In questo sogno/progetto che oggi porta il nome di Parco delle Cave, la Canottieri, membro effettivo della Consulta per l’Ambiente, ha avuto sicuramente un ruolo centrale e estremamente attivo per la realizzazione del parco. Per noi è stata come una regata, una di quelle lunghe ed estenuanti, dove le difficoltà ti scoraggiano ma il pensiero del traguardo ti impedisce di arrenderti, e oggi il Parco è la nostra più grande vittoria. Tutti i nostri compagni hanno contribuito e reso possibile questa impresa e a tutti loro la Canottieri Brescia sarà sempre riconoscente.

Dalla sabbia all’acqua, dalla cava al parco, remando sul nostro primo Dragone, comprato, ripulito, scartavetrato, pitturato e restaurato grazie alla generosità di uno sponsor ed amico, e da donne e uomini maestri d’ascia improvvisati, mossi da grande passione determinazione e volontà.

Il divertimento e la passione contagiosa inizia ad arricchire ed infoltire il gruppo, la ricerca e l’acquisto di nuove attrezzature apre nuove ed entusiasmanti possibilità fino a giungere ad un’altra grande conquista sia per i nostri atleti che per l’associazione, le prime gare ed i primi importanti risultati e le convocazioni nelle nazionali di Dragon Boat.

Oggi la Canottieri Brescia ha nel suo laghetto tre barche drago da 20 vogatori, una decina tra canoe e kayak e soprattutto, 50 tesserati, atleti, amatori e amici.

La nostra più grande soddisfazione è sederci nella stessa barca, e in sincronia abbandonarci ad aspirazioni e sogni.