04February TI ASPETTIAMO !!!

La Canottieri Brescia ricerca per la sua squadra di Dragonboat ragazzi/ragazze da inserire nel proprio team per partecipare a gare di livello regionale e nazionale.


Stiamo cercando ragazzi/ragazze con mentalità sportiva e determinata per competere ad alto livello con le migliori squadre nazionali


 
07October Palestra ATHENA

La Canottieri Brescia per la preparazione invernale dei suoi atleti, si avvale delle strutture della Palestra Athena di via Soldini  e della collaborazione dei suoi personal trainers, tecnici altamente preparati e motivati.

Vai al sito PALESTRA ATHENA


 
26September Battesino del fuoco !!!

Come per la guerra c’è il battesimo del fuoco, così ieri per diversi atleti della Canottieri Brescia a Pavia c’è stato il battesimo dell’acqua. 
Si, quella di ieri è stata una vera e propria battaglia, battaglia che ha visto uscire vincitori i giovani leoni bresciani. 
Il primo ad essere stato domato è stato il fiume Ticino, che con le sue correnti a volte tumultuose, a volte ingannevoli, ha messo a dura prova la resistenza del nostro timoniere Lucio, a cui và il merito di aver quasi sempre scelto la traiettoria giusta, merito a tutto l’equipaggio che ha continuato a pagaiare anche quando le condizioni si presentavano quasi proibitive (rami e tronchi d’albero che affioravano all’improvviso mettendo a rischio l’integrità delle mani e delle braccia), mulinelli e correnti improvvise che rendevano instabile il dragone.



Subito dopo i ragazzi bresciani hanno domato con una rimonta clamorosa, non prima di essere stati fortemente danneggiati in partenza, in successione le seguenti squadre:


* Milano Università/Idroscalo 
* Pinè Defend (TN) 
* La Remenga (TN) 
* Canottieri Firenze 
* Tenna (TN)


Unico team ad aver preceduto sul traguardo la Canottieri Brescia, è stato la Canottieri Ticino (padrone di casa) che subito in partenza si è avvantaggiata sulle altre squadre che erano entrate in bagarre tra di loro. 
Che dire? 
In mattinata avevo avuto sentore che qualcosa di importante sarebbe potuto accadere, e come si fa per i motociclisti, ho detto a Giovanni (coach) “in caso di dubbio… accelera ” .

Battaglia si prevedeva e battaglia è stata, scontrarsi per almeno una ventina di volte con le imbarcazioni avversarie, e uscirne quasi sempre vincitori è sinonimo di coraggio e crescita, un merito speciale và a tutto il lato sinistro del dragone, che ha subito continue sollecitazioni e scontri con le altre imbarcazioni (vedere Marika, lei così minuta e femminile, alla sua prima gara vera, lottare con i denti e mostrare i pugni agli atleti avversari, senza mollare di un centimetro) lo stesso dicasi di Federica che anche lei posizionata sul lato sinistro del drago ha subito la maggior parte dei colpi, per passare a Raffaella, che per la prima volta schierata capovoga a destra, anche lei così minuta, al secondo anno di Canottieri ha mostrato la grinta e la forza di un veterano, la Barbara che dopo una notte in bianco passata al lavoro, non ha fatto mancare il suo solito apporto determinante, fino a sentirsi male e svenire una volta tagliato il traguardo, la Silvia che dopo quasi due anni di assenza dalla Canottieri è rientrata subito nel clima agonistico del dragone, 
e la nostra tamburina che con la sua voce (per la verità non è mai stato un soprano ) ha continuato ad incitarci fino alla fine, restando senza voce.

Non me ne vogliano i maschietti, ma era doveroso parlare prima delle nostre ragazze, che ogni volta di più ci sorprendono, io di voi ho solo certezze, so quello che potete e che date in ogni gara, la maturità che avete raggiunto non mi stupisce più, vedervi allegri e spensierati fino a pochi minuti dalla partenza della gara e poi subito dopo concentrati al massimo, è motivo di orgoglio, so di poter contare su un gruppo di ragazzi fantastici. 
Un grazie anche ai tre ragazzi della Darsena, che sempre di più si integrano con noi (non me ne voglia Matteo ). 
Un grazie a chi negli anni ha creduto in questo progetto (Michele, Lella, Barbara, Luca, Gaffù e anche se da poco rientrata Silvia). 
E per ultimi, ma non certamente ultimi, ai nostri due coach Giovanni Tarletti e Daniele Curcio per il lavoro certosino e la pazienza profusa, abbiamo davvero due bravi allenatori che per caratteristiche caratteriali si integrano alla perfezione. 
Grazie a tutti voi per la splendida giornata vissuta e per il magnifico risultato conseguito.

Il Presidente (orgoglioso) 
Michele Curcio

 

 
23September 4° Festa Parco delle Cave

Sabato 17 settembre nella nuova location del lago Paradiso, ospiti della ASD Canottieri Brescia si è svolta la 4^ edizione della festa del “Parco delle Cave”,  quest’anno intitolata  dalle “Cave al Parco”.
Moltissime le associazioni presenti tra ambientalisti di volontariato e sportive.
Sono intervenuti il sindaco Emilio Del Bono e la sua giunta al gran completo, diversi consiglieri comunali, oltre alla parlamentare Miriam Cominelli (PD) e al senatore Vito Crimi (M5S), ma soprattutto migliaia di cittadini, che guidati e assistiti continuamente dalle varie associazioni presenti, hanno potuto godere di una magnifica giornata di sole a contatto con la natura assaporando finalmente quello che è, e potrà essere tra qualche anno il parco cittadino più grande d’Europa.
La Canottieri Brescia in questo contesto ha fatto la parte del leone, gestendo e facendo provare le proprie imbarcazioni ad  un centinaio studenti dei vari istituti  bresciani, oltre a tantissimi cittadini.
Inoltre ha messo in palio una coppa 1° trofeo “Adriano Piantoni” per la gara di dragonboat tra istituti scoalstici (gara vinta dal liceo ginnico di Lumezzane), e una coppa 1° trofeo “Sara Comaglio” tra le squadre agonistiche di dragonboat (gara vinta dalla Canottieri Brescia in finale contro Peschiera del Garda).
Bilancio più che positivo avendo presentato alla cittadinanza il primo tassello del nascente parco.

VAI ALLE FOTO

 

 
03September XVII DRAGONFLASH

"Sai perché cadiamo Bruce? Per imparare a rimetterci in piedi"...

Dragon flash a Borgo Valsugana:
Nonostante una prima manches sperimentale andata decisamente male, la Leonessa non si abbatte!

Si decide di provare il tutto per tutto con una partenza alla cieca, mai provata prima.. 
Nella seconda manches i Dragoni della @canottieribs rialzano la testa, con una grande prova d'orgoglio e di carattere dimostrano tutta la loro forza!

Non è la forza del singolo ma quella del gruppo a far la differenza... A Borgo Valsugana ancora una volta abbiamo dimostrato che dobbiamo crederci fino alla fine!

Forza #canottieribrescia, sempre più fiero di essere approdato nel mondo del #dragonboat!!

 

Alessandro Melzani

 

Spolpategli l'anima
Fateli pentire di aver iniziato a pagajare
Umiliateli a casa loro
Voglio che vinciate quella gara perché siete forti e avete la grinta giusta
Unica cosa il timone deve segare quel Canaletto di.merda in maniera impeccabile .
E voi cazzo pagaiate pensando di tirare giù il signore dalla croce , pagaiate per dividere il canale come Mosè fece con mar rosso, solo con più vittime trentine.
Forzaaaaaaa leoniiiiii

 

Carlo Tognaz

 

GRANDI,una vera prova di forza e carattere, ora dove acquisire sicurezza in voi stessi...veramente GRANDI!!!!

 

Luca Zanchi

 

 

 
17July 4° posto alla Dragon Boat Festival Pinè

Grande prestazione della squadra di Dragon boat della Canottieri Brescia.

Ecco il commento del Presidente Michele Curcio :

Dragon festival di Baselga di Pine, 21 equipaggi aggueritissimi sui 300 metri di percorso, l'impresa era nell'aria già da un po', però ragazzi mi avete stupito..... arrivare in finale con il quarto tempo, e non contenti nella finale a 6 avete, abbiamo lottato fine alla fine srappando un meritatissimo 4 posto...... che dire.... sono sceso dalla barca con le lacrime agli occhi. Grazie grazie.

Alessandro Melzani nuovo atleta della Canottieri ha rilasciato questo commento dopo la gara :

Ieri la Canottieri Brescia ha dimostrato di essere una vera squadra...

Dopo tantissimi sacrifici, duri allenamenti e dolorose sconfitte la LEONESSA ha finalmente RUGGITO!!

Ieri non ho visto un gruppo di 20 ragazzi che remavano assieme, ieri ho visto una SQUADRA, una LOCOMOTIVA che procedeva spedita nelle acque agitate dal forte vento contrario!!

INARRESTABILE!!

Ieri per la prima volta la Canottieri Brescia ha messo in fila la sua batteria nel forte campionato trentino! Ha dimostrato la sua forza e la resistenza.

E se alla fine siamo arrivati 4° su 22 equipaggi il merito è di tutti, dalla tamburina al timoniere, passando per tutte le 20 pagaie.

Sono sempre più felice di far parte di questa squadra, fiero di poter contribuire a questi piccoli grandi successi!!

Quale sarà il prossimo passo??

La nostra tamburins storica Loredana Prinzis :

E poi accade che, al termine di una settimana tosta,  quando ancora credi di essere debole e stanca, ancora mezzo convalescente, dopo un'intera giornata trascorsa a fotografare, a goderti il sole, il relax, la natura...Ops! Che succede? Ecco che improvvisamente ti prestano pantaloncini, guantini, scarpette antiscivolo, maglia termica per il vento e...la Maglia da Gara!

Ai miei "poveri" vecchi compagni di squadra serve una tamburina? Per la finale? Non posso perdermi quest'occasione! Non posso solo fotografare e godermi lo spettacolo. Inaspettatamente sale la voglia di prendere parte attiva e così...briefing col Coach Giovanni Tarletti, fai il pieno di zuccheri coccolata da zia Lella Mazzi Maria Luisa e il mitico Gaffu, riscaldamento e...si va in acqua!

Facciamo una simulazione di partenza,  ok...ci sono! Ci siamo!

Il numero 4 al braccio c'è, siamo in corsia 4...il giudice annuncia "Equipaggi pronti... sparo d'inizio"!

Partiti!!! Tanta grinta...come se non ci fosse un domani!

Sento la spinta della barca sotto di me, sembra di volare, è bellissimo!

Urlo, incito...vedo davanti ai miei occhi 20 pagaiatori agguerritissimi!!

Wow! 300 metri di adrenalina pura!!! Siamo quartiiiiiiiii!!!!!!

Ragazzi siete fantastici! Complimenti! Grazie per avermi fatto vivere queste emozioni! Ho la pelle d'oca al solo pensiero e svegliarmi questa mattina senza voce mi dà soddisfazione, d'altronde è per una buona causa!

 
05July III° PREDAIA BOAT 2016

Si è svolta domenica 3 luglio ai due laghi di Coredo la terza edizione della Predaia Boat, gara sulla distanza di 350 metri valida come seconda tappa del campionato trentino di DragonBoat.
Al via della manifestazione si presentano 18 equipaggi divisi in 3 batterie, fra cui gli extraregionali di Brescia e Bardolino e le sempre presenti Paniza Ladies di Caldonazzo. Per l'accesso a finale (1o - 6o posto) e finalina (7o - 12o posto) valgono i migliori tempi stabiliti nelle due manche a disposizione. Nella prima batteria staccano il pass per la finale gli equipaggi di Lidò Drago, Nutria, Paniza Pirat, DragonBroz, Remenga ed Xtreme; nella seconda manche non si rilevano sostanziali variazione tranne l'approdo fra le prime sei del Grisù con un fantastico crono ai danni della Remenga, prima delle escluse. Piccolo giallo al termine della terza batteria della seconda manche con tempi rivisti da parte della giuria della gara a causa di un problema a livello di cronometro.
Nella finalina delle 16.30 la battaglia è sul filo dei centesimi, la spunta di rabbia la Remenga con 1.32.66 che mette la testa davanti al Tenna che ferma il cronometro a 1.33.14, precedendo di 2 centesimi la Famigerata di Molveno; a seguire Bardolino, Borgo e Mai Zeder.
Alle ore 17 si scende in acqua per lottare per la vittoria; all'ultima boa le 6 imbarcazioni appaiono allineate verso lo sprint finale dove ha la meglio con uno scatto poderoso l'imbarcazione di casa del DragonBroz (1.28.60) che precede l'XTreme (1.29.05) e il Grisù (1.29.40); ai piedi del podio finisce il Nutria seguito da Pirat e Lidò Drago.

 
20June STIAMO ARRIVANDO !!!

Ciao a tutti, vi scrivo i miei pensieri sulla gara di Sabato che, a causa dell’assenza di Giò, ha visto il mio “esordio” come “primo” allenatore.

Tante volte, spesso a sproposito, si è sentita la frase “il risultato non rispecchia i reali valori in campo” ma mai come questa volta possiamo affermare che questa frase risulta veritiera!

Andando a guardare esclusivamente i numeri il risultato può sembrare impietoso, 17° ed ultimo posto.

Analizzando invece quello che è stata la gara nel suo contesto possiamo affermare che, senza la penalità inflittaci di 4 minuti, saremmo arrivati 11° e, senza gli errori commessi che ci hanno fatto allungare il percorso di almeno 200 mt e di non meno di 2 minuti, saremmo arrivati a ridosso della top5!

Già questo dimostra i grandi miglioramenti che stiamo avendo, se poi ci aggiungiamo che tutto questo è stato ottenuto con “solo” 16 pagaiatori di cui molti con meno di 1 anno di esperienza possiamo realmente affermare che STIAMO ARRIVANDO!

Sabato, durante il briefing pre gara ho chiesto a tutti di avere ORGOGLIO BRESCIANO, senso di appartenenza alla nostra magnifica squadra, quel senso di appartenenza che ha permesso spesso negli anni scorsi ai trentini di avere “quel qualcosa in più” rispetto a noi. Sabato siamo stati NOI ad andare ben oltre i nostri limiti, siamo stati NOI ad essere GRANDI! All’uscita in barca ho visto facce stravolte, la Raffa piangere dal dolore a causa di un problema muscolare accorsole poco dopo metà gara, ho sentito Maik (che ha dovuto gareggiare con la pagaia in legno a causa di un problema alla sua in carbonio) spingere per quasi 9 km nonostante l’enorme fatica e Jacky in parte a lui incoraggiarlo come si fa con i FRATELLI!

E’ stato veramente emozionante! Devo dire un IMMENSO GRAZIE a tutti quanti, dal tamburino al timoniere, dal primo al 17° pagaiatore!

Si, 17 pagaiatori. Perché ci metto anche Saimon che ha accettato senza battere ciglio la decisione di gareggiare con un’altra squadra affinchè loro ci prestassero la 4° donna che ci ha permesso di prendere parte alla gara!

Ricordiamoci però che questa gara, così come quella di Bardolino, deve essere solo un punto da cui partire per poterci togliere grandi soddisfazioni nelle gare a venire, a partire dalla prossima, la Predaia Boat a Coredo!

Non mi dilungo oltre, per quanto riguarda la parte tecnica lascerò che sia Giò a fare l’analisi, ma per il momento un grandissimo GRAZIE a tutti quanti! E come sempre

LA LEONESSA RUGGISCE!

 

Daniele Curcio

 

VAI ALLE FOTO----->

 

 


 
14May PALIO DEL CHIARETTO 2016

Sabato 28 e Domenica 29 ritorna l'avvincente sfida tra Dragon Boat nello spettacolare scenario del Lago di Garda sotto cascate di freschissimo Chiaretto.

 


 
Prev12345Next

Seguici anche su

Instagram

Contatore

Content View Hits : 58709

I nostri partners

Aeb
Oxyturbo
Oxyturbo
Lunikgas
Nuova Latus
Gabogas

Tieniti in contatto con noi